Archive luglio 2018

Climatologi scoprono che l’Antartide era più caldo un secolo fa

Climatologi scoprono che l’Antartide era più caldo un secolo fa

Quale modo migliore di celebrare la Giornata della Terra se non scoprire ulteriori informazioni che mettono in discussione le affermazioni degli allarmisti del Culto del riscaldamento globale e far brillare una luce scettica su dati discutibili prodotti da gruppi politicamente influenzati e agenzie governative?

Happy Earth Day: come James Murphy riporta per The New American:

L’avamposto di ricerca dell’Agenzia meteorologica giapponese, Showa Station in Queen Maud Land dell’Antartide, segnala una leggera tendenza al raffreddamento, anche se i livelli di CO2 atmosferico sono aumentati bruscamente dal 1985 fino al 2017, il blogger climatico giapponese Kirye.

E questa non è l’ultima delle certezze offerte nel rapporto di Murphy. In realtà, si scopre che, contrariamente a quanto gli allarmisti del clima hanno detto, l’intero continente antartico era probabilmente molto più caldo.

… non stiamo parlando di tornare al periodo Giurassico. Questo studio di Ryan Fogt e Megan Jones del Dipartimento di Geografia e Scalia Laboratory for Atmospheric Analysis della Ohio University nota che gran parte della temperatura del continente era eccezionalmente alta durante le spedizioni di Amundsen e Scott del 1911/12.

Dallo studio: “Amundsen e il suo equipaggio hanno sperimentato temperature che hanno raggiunto il picco superiore a 16 gradi sotto zero C sull’altopiano polare il 6 dicembre 1911, che è estremamente caldo per questa regione…. Scott ha anche incontrato condizioni insolitamente calde in questo momento.” L’attuale temperatura media estiva per l’altopiano polare al Polo Sud è -28,2° C.

E una delle osservazioni più salienti che Murphy fa è che dobbiamo ricordare a noi stessi che l’Antartide è vasto, quasi grande quanto l’ego di alcuni politici che emettono sciocchezze e dati falsi sul cambiamento climatico e, dal momento che è così grande, gli scienziati orientati politicamente con ordini giornalieri possono facilmente selezionare e scegliere le aree del continente per ricavarne i dati.

Per esempio:
In uno studio su 13 stazioni in tutto il continente, 10 stazioni non mostrano alcuna tendenza all’aumento della temperatura e alcune mostrano una leggera tendenza alla diminuzione della temperatura. Tre delle stazioni, tutte situate nella penisola antartica, mostrano una leggera tendenza al riscaldamento. Oltre ai dati grezzi sopra elencati, due recenti studi scientifici confermano queste osservazioni.

E indovina quale posizione molti allarmisti del Cambiamento Climatico usano come punto centrale dei loro rapporti? Sì, hai indovinato, la penisola antartica. Oppure, se sei Al Gore, puoi continuare a concentrarti su quella che è nota come Larson C Ice Shelf, che è grande quanto lo stato del Delaware, e di recente ha visto un pezzo staccarsi per andare in vacanza. Secondo Gore, lo shelf sta diminuendo di dimensioni – un po’ come la sua reputazione di opinionista quando si parla di riscaldamento globale – ma, in realtà, questo non è corretto.

L’Università di Berkeley paga le spese per la depilazione laser dei propri studenti transgender

L’Università di Berkeley paga le spese per la depilazione laser dei propri studenti transgender

Il piano assicurativo dell’Università della California, ora coprirà la rimozione dei peli laser e la “preservazione della fertilità” per gli studenti che stanno effettuando la transizione tra i sessi.

Secondo la pagina “insurance benefits for transgender students” sul sito Web dei servizi sanitari di Berkeley, sono state fatte nuove aggiunte al piano di assicurazione sanitaria per studenti di UC Berkeley 2017-2018 (Nave Berkeley) e includono depilazione laser su viso e collo e procedure di “conservazione della fertilità”.

Né la depilazione laser né la preservazione della fertilità sono di solito coperte dagli assicuratori. Per coloro che soffrono di irsutismo causato da uno squilibrio ormonale, l’epilazione laser sul viso e sul collo è spesso trattata come una procedura cosmetica e non è coperta dalla maggior parte dei fornitori di assicurazioni. Secondo la Alliance for Fertility Preservation, la conservazione della fertilità non è coperta dall’assicurazione, anche se la persona che sceglie la preservazione della fertilità ha il cancro.

Una scheda informativa assicurativa fornita a MRCTV verifica i nuovi benefici per l’anno 2017-2018, tra cui l’epilazione laser e la “preservazione della fertilità” per gli studenti transgender, ma nota che i servizi saranno forniti anche a coloro che possono dimostrare “necessità medica.”

La pagina sulla salutte dell’università Berkeley afferma inoltre che le procedure per la depilazione laser e la preservazione della fertilità saranno offerte agli studenti transgender e a coloro che hanno “necessità mediche.” Per il Piano 2017-2018, il tasso per uno studente universitario è di $1,415 per semestre. Per uno studente laureato, il piano è $2,231 per semestre.

La conservazione della fertilità per le donne inizia da $10.000 per congelare gli ovuli. Secondo USC Fertility, costa circa $10.000 fare il congelamento delle uova. Scongelare le uova costa altri $5.000 e Huffington Post sostiene che la conservazione delle uova costi fino a $800 all’anno. Per gli uomini, l’Alliance for Fertility Preservation sostiene che la preservazione della fertilità può costare da un minimo di $1.000 a $12.000 a seconda della procedura.
Il costo medio della depilazione laser, sebbene non sia costoso come la conservazione della fertilità, è di $235 per sessione, secondo l’American Society of Plastic Surgeons. Il numero di sessioni richieste per la depilazione con epilatore laser dipende dalla quantità di peli, dallo spessore dei peli e dal risultato desiderato.

La pagina “insurance benefits for transgender students” afferma che la Berkeley copre già la terapia ormonale, la chirurgia di riassegnazione del sesso, l’aumento del seno per coloro che passano al sesso femminile, la “chirurgia top” per quelli che passano al sesso maschile, l’elettrolisi, la rasatura della trachea e anche i spese limitate per i viaggi per ottenere quelle procedure.

Mentre Berkeley copre procedure cosmetiche come l’elettrolisi e l’epilazione laser, la guida per gli studenti transgender fa notare che non copre la liposuzione, la rinoplastica, il lifting del viso o la terapia di ricostruzione ossea facciale per far apparire gli studenti “più simili” al genere di identità.